La manutenzione del percorso e la salvaguardia della Biodiversità
01 aprile 2016
 La Gestione Sostenibile del verde, Aprile un mese molto importante
Nonostante i campi da golf siano stati a lungo sotto accusa per il presunto impatto ambientale e paesaggistico che essi hanno sul territorio, il rispetto della natura e la salvaguardia della biodiversità, intesa come la moltitudine di individui presenti nello stesso habitat, hanno assunto un ruolo sempre più importante nella gestione del nostro percorso. Un primo passo in questa direzione è stato fatto riducendo le quantità di fitofarmaci applicati tappeto erboso, razionalizzandone la distribuzione e favorendo pratiche agronomiche alternative di manutenzione che consentono di mantenere il tappeto erboso in ottime condizioni di salute con un ridotto impatto ambientale. Abbiamo inoltre deciso di mantenere incolte determinate aree di rough; queste zone possiedono un ruolo fondamentale nel mantenimento della biodiversità. Oltre alle graminacee tipicamente presenti nei percorsi di golf come la Festuca arundinacea, Festuca ovina e Poa pratensis, sono presenti leguminose come la sulla (Hedysarum coronarium) o l'erba medica (Medicago sativa) e altre numerose specie di fiori di campo. Queste aree di rough vengono utilizzate dalla fauna locale come passaggio, come punto di alimentazione, sosta o nidificazione. Le vistose e coloratissime fioriture sono inoltre indispensabili per promuovere processi eco­sistemici fondamentali, come l'impollinazione. Tra una buca e l'altra, vengono lasciati crescere naturalmente arbusti molto diffusi nel nostro territorio come la ginestra (Cystus scoparius) o il ginepro (Juniperus communis), mentre altrove predominano siepi naturali di rovi (Rubus ulmifolius) che costituiscono un ottimo riparo e fonte di alimentazione per uccelli di bosco e piccoli mammiferi. Si viene così a creare nel campo da golf dell'Ugolino un mosaico ambientale costituito da habitat diversificati che si intrecciano in corridoi ecologici attraenti per un gran numero di animali: piccoli rettili come rospi o alcune specie di serpenti non velenosi, volatili autoctoni come colombi, picchi e fagiani, e mammiferi come lepri, volpi e perfino numerosi caprioli. Questi sono solo alcuni dei piacevoli incontri che potrete fare passeggiando nel nostro campo.
Tags:
Categoria:
Turismo
Condividi su:
Ricevi le nostre news